logo Km0
  • Commissione Europea

Conoscere le regioni dell'UE: la Commissione europea avvia l'osservatorio rurale

Scritto il 21 Marzo 2023 da Redazione Km0

Stai cercando la densità di popolazione, la distanza media dalle strutture sanitarie o la velocità della banda larga in qualsiasi zona rurale, comune o regione dell’Unione europea? Ora è possibile grazie al nuovo osservatorio rurale.

Istituito dalla Commissione europea, il nuovo osservatorio rurale fornisce agli utenti una vasta gamma di informazioni in un solo clic su tutte le aree urbane, intermedie e rurali dei paesi dell’UE. Maggiori e migliori dati sono essenziali per comprendere la dimensione rurale delle condizioni economiche, sociali e demografiche e per agire su di esse. L’osservatorio consente di confrontare diversi territori per riflettere le molteplici dimensioni e la diversità delle aree rurali. Questo osservatorio sarà utilizzato per informare l’elaborazione delle politiche relative alle zone rurali, per valutare l’impatto delle iniziative dell’UE in una varietà di settori politici (la cosiddetta “prova rurale”) e per monitorare i progressi compiuti in merito agli indicatori pertinenti per il piano d’azione rurale dell’ UE e il patto rurale. Fornirà inoltre regolarmente elementi di prova aggiornati, anche per un’ulteriore elaborazione delle politiche.

I dati sono organizzati in diverse sezioni. Il “Focus rurale ” mostra in che modo le zone rurali di ciascun paese si confrontano con quelle classificate come urbane o intermedi utilizzando indicatori nei seguenti argomenti:

  • Demografia e migrazione
  • Sviluppo economico
  • Mercato del lavoro
  • Turismo
  • Istruzione e formazione
  • Infrastrutture & Accessibilità
  • Inclusione sociale
  • Ambiente e clima
  • La salute.

In ” Tendenze ” gli utenti possono visualizzare su una mappa questi indicatori e confrontare regioni, sottoregioni e comuni. Quando possibile, vengono visualizzate anche proiezioni future.

La sezione chiamata ” Il mio posto” offre una panoramica dettagliata di qualsiasi comune. Nel caso di una città o di una città, può mostrare:

  • la popolazione, la sua densità e la sua evoluzione straordinari,
  • la ripartizione dell’uso del suolo,
  • il PIL,
  • la velocità della banda larga,
  • il numero di camere disponibili per il turismo,
  • distanze medie per scuole, strutture sanitarie, stazioni ferroviarie e cinema.

La piattaforma può anche confrontare diversi luoghi, grandi o piccoli, in tutte queste categorie.

Oltre a queste funzionalità, l’osservatorio pubblica ogni anno diversi documenti di ricerca sui diversi aspetti della vita rurale. Questa piattaforma vivente, gestita dal Centro comune di ricerca, sarà aggiornata regolarmente con nuovi indicatori e visualizzazione dei dati. Nuovi strumenti di collaborazione saranno inoltre aggiunti sul sito web dedicato alla visione rurale dell’UE per soddisfare meglio le esigenze delle zone rurali dell’UE e in particolare della Comunità del patto rurale. 

 

Lo sfondo
Le zone rurali europee ci forniscono i nostri servizi alimentari, case, posti di lavoro e ecosistemi essenziali. Per garantire che le zone rurali possano continuare a svolgere questi ruoli essenziali, nel 2021 la Commissione europea ha definito una visione a lungo termine per le zone rurali dell’UE fino al 2040. Identifica i settori d’azione verso zone e comunità rurali più forti, connesse, resilienti e prospere. Un patto rurale e un piano d’azione rurale dell’ UE con faro tangibili e nuovi strumenti contribuiscono a raggiungere gli obiettivi politici generali.

Oltre 60 miliardi di euro sono disponibili per lo sviluppo rurale nell’ambito della politica agricola comune per il periodo 2023-27. Nell’ambito della nuova PAC, almeno il 35 % di questi fondi sarà destinato a misure a sostegno dello sviluppo locale, del clima, della biodiversità, dell’ambiente e del benessere degli animali.

Oltre il 25 % degli investimenti della politica di coesione dell’UE per il periodo 2014-20 ha contribuito a mantenere forti le zone rurali. La politica di coesione continuerà a investire nelle zone rurali attraverso gli accordi di partenariato e i programmi operativi del nuovo periodo di programmazione.

Fonte: https://agriculture.ec.europa.eu/news/getting-know-eus-regions-european-commission-launches-rural-observatory-2023-01-26_it